venerdì, marzo 17, 2017

#VicAglione simply one more dawn

#VicAglione #art saatchi

venerdì, ottobre 16, 2015

#wikileaks & our Intellectual Proprety Of Ours INTERNET POST


ieri WIKILEAKS RILASCIA UN ULTERIORE PROVA DI COME ONU WFO,EU AFRICA ASIA ARE JUST A "CLASH OF CLAN GAMES" WERE the saudi arabia with the quickly mutation from tribes without borders to a 1million $ x sec industry, can & does what a player w/ illimitate credit will do on a poker table: cheat , win , samethimes showinging himselm mercyfull but only because HE KNOW THAT IN ALL THE TABLES OF THE CASINO THERE'S 1 CUSIN THAT IS PLAYING HIS PART






#nethaniau war criminal left of the refugee camp of SABRA & SHATILA 1000ND OF souls
ARTICOLO DI WIKILEAKS
esempio di come AT&T (usa internet provider come da noi TIM SpA FASTWEB VODAFONE WIND ETC lavorino con la #CIA [ke come noto si arroga il
diritto di essere senza vincoli e padroni, "ufficialmente" nelle regioni indicate nell art. di cui sopa, ma come al solito dove le maglie sono + laghe, [EUROPA] nemmeno c'è uno straccio di documento a riprova ke se scrivo "x" e parlo di AIDS/MALARIA/TUBERCOLOSI..I DIRITTI DELLO SCRITTO SONO NEGATI

lunedì, novembre 24, 2014

Io e l'io ke non conosco

Io sono stato  tante cose, tante vite ma solo il 22/7/2014 sono diventato una persona normale.
1 auto non rispetta la  precedenza,  mi taglia la strada e mi mozza la mano  destra + 1 10na di altre ferite.
Quel giorno diventai un semplice corpo senza scopo, con 2 anni di  prognosi.
No more than a 46 sick man con i suoi sogni interrotti
Solo questo

mercoledì, febbraio 12, 2014

Buddhism and Democracy | The Office of His Holiness The Dalai Lama

Buddhism and Democracy | The Office of His Holiness The Dalai Lama
1. For thousands of years people have been led to believe that only an authoritarian organization employing rigid disciplinary methods could govern human society. However, because people have an innate desire for freedom, the forces of liberty and oppression have been in continuous conflict throughout history. Today, it is clear which is winning. The emergence of peoples' power movements, overthrowing dictatorships of left and right, has shown indisputably that the human race can neither tolerate nor function properly under tyranny.

2. Although none of our Buddhist societies developed anything like democracy in their systems of government, I personally have great admiration for secular democracy. When Tibet was still free, we cultivated our natural isolation, mistakenly thinking that we could prolong our peace and security that way. Consequently, we paid little attention to the changes taking place in the world outside. We hardly noticed when India, one of our closest neighbours, having peacefully won her independence, became the largest democracy in the world. Later, we learned the hard way that in the international arena, as well as at home, freedom is something to be shared and enjoyed in the company of others, not kept to yourself.

3. Although the Tibetans outside Tibet have been reduced to the status of refugees, we have the freedom to exercise our rights. Our brothers and sisters in Tibet, despite being in their own country do not even have the right to life. Therefore, those of us in exile have had a responsibility to contemplate and plan for a future Tibet. Over the years, therefore, we have tried through various means to achieve a model of true democracy. The familiarity of all Tibetan exiles with the word 'democracy' shows this.

4. I have long looked forward to the time when we could devise a political system, suited both to our traditions and to the demands of the modern world. A democracy that has nonviolence and peace at its roots. We have recently embarked on changes that will further democratize and strengthen our administration in exile. For many reasons, I have decided that I will not be the head of, or play any role in the government when Tibet becomes independent. The future head of the Tibetan Government must be someone popularly elected by the people. There are many advantages to such a step and it will enable us to become a true and complete democracy. I hope that these moves will allow the people of Tibet to have a clear say in determining the future of their country.

5. Our democratization has reached out to Tibetans all over the world. I believe that future generations will consider these changes among the most important achievements of our experience in exile. Just as the introduction of Buddhism to Tibet cemented our nation, I am confident that the democratization of our society will add to the vitality of the Tibetan people and enable our decision-making institutions to reflect their heartfelt needs and aspirations.

6. The idea that people can live together freely as individuals, equal in principle and therefore responsible for each other, essentially agrees with the Buddhist disposition. As Buddhists, we Tibetans revere human life as the most precious gift and regard the Buddha's philosophy and teaching as a path to the highest kind of freedom. A goal to be attained by men and women alike.

7. The Buddha saw that life's very purpose is happiness. He also saw that while ignorance binds beings in endless frustration and suffering, wisdom is liberating. Modern democracy is based on the principle that all human beings are essentially equal, that each of us has an equal right to life, liberty, and happiness. Buddhism too recognises that human beings are entitled to dignity, that all members of the human family have an equal and inalienable right to liberty, not just in terms of political freedom, but also at the fundamental level of freedom from fear and want. Irrespective of whether we are rich or poor, educated or uneducated, belonging to one nation or another, to one religion or another, adhering to this ideology or that, each of us is just a human being like everyone else. Not only do we all desire happiness and seek to avoid suffering, but each
of us has an equal right to pursue these goals.

8. The institution the Buddha established was the Sangha or monastic community, which functioned on largely democratic lines. Within this fraternity, individuals were equal, whatever their social class or caste origins. The only slight difference in status depended on seniority of ordination. Individual freedom, exemplified by liberation or enlightenment, was the primary focus of the entire community and was achieved by cultivating the mind in meditation. Nevertheless, day to day relations were conducted on the basis of generosity, consideration, and gentleness towards others.  By pursuing the homeless life, monks detached themselves from the concerns of property. However, they did not live in total isolation. Their custom of begging for alms only served to strengthen their awareness of their dependence on other people. Within the community decisions were taken by vote and differences were settled by consensus. Thus, the Sangha served as a model for social equality, sharing of resources and democratic process.

9. Buddhism is essentially a practical doctrine. In addressing the fundamental problem of human suffering, it does not insist on a single solution. Recognising that human beings differ widely in their needs, dispositions and abilities, it acknowledges that the paths to peace and happiness are many. As a spiritual community its cohesion has sprung from a unifying sense of brotherhood and sisterhood. Without any apparent centralized  authority Buddhism has endured for more than two thousand five hundred years. It has flourished in a diversity of forms, while repeatedly renewing, through study and practice, its roots in the teachings of the Buddha. This kind of pluralistic approach, in which individuals themselves are responsible, is very much in accord with a democratic outlook.

10. We all desire freedom, but what distinguishes human beings is their intelligence. As free human beings we can use our unique intelligence to try to understand ourselves and our world. The Buddha made it clear that his followers were not to take even what he said at face value, but were to examine and test it as a goldsmith tests the quality of gold. But if we are prevented from using our discrimination and creativity, we lose one of the basic characteristics of a human being. Therefore, the political, social and cultural freedom that democracy entails is of immense value and importance.

11. No system of government is perfect, but democracy is closest to our essential human nature. It is also the only stable foundation upon which a just and free global political structure can be built. So it is in all our interests that those of us who already enjoy democracy should actively support everybody's right to do so.

12. Although communism espoused many noble ideals, including altruism, the attempt by its governing elites to dictate their views proved disastrous. These governments went to tremendous lengths to control their societies and to induce their citizens to work for the common good. Rigid organisation may have been necessary at first to overcome previously oppressive regimes. Once that goal was fulfilled, however, such rigidity had very little to contribute to building a truly cooperative society. Communism failed utterly because it relied on force to promote its beliefs. Ultimately, human nature was unable to sustain the suffering it produced.

13. Brute force, no matter how strongly applied, can never subdue the basic human desire for freedom. The hundreds of thousands of people who marched in the cities of Eastern Europe proved this. They simply expressed the human need for freedom and democracy. Their demands had nothing to do with some new ideology; they were simply expressing their heartfelt desire for freedom. It is not enough, as communist systems have assumed, merely to provide people with food, shelter and clothing. Our deeper nature requires that we breathe the precious air of liberty.

14. The peaceful revolutions in the former Soviet Union and Eastern Europe have taught us many great lessons. One is the value of truth. People do not like to be bullied, cheated or lied to by either an individual or a system. Such acts are contrary to the essential human spirit. Therefore, those who practice deception and use force may achieve considerable short-term success, but eventually they will be overthrown.

15. Truth is the best guarantor and the real foundation of freedom and democracy. It does not matter whether you are weak or strong or whether your cause has many or few adherents, truth will still prevail. Recently, many successful freedom movements have been based on the true expression of people's most basic feelings. This is a valuable reminder that truth itself is still seriously lacking in much of our political life. Especially in the conduct of international relations we pay very little respect to truth. Inevitably, weaker nations are manipulated and oppressed by stronger ones, just as the weaker sections of most societies suffer at the hands of the more affluent and powerful. In the past, the simple expression of truth has usually been dismissed as unrealistic, but these last few years have proved that it is an immense force in the human mind, and, as a result, in the shaping of history.

16. As we approach the end of the twentieth century, we find that the world has grown smaller and the world's people have become almost one community. We are also being drawn together by the grave problems we face: overpopulation, dwindling natural resources, and an environmental crisis that threaten the very foundation of existence on this small planet we share. I believe that to meet the challenge of our times, human beings will have to develop a greater sense of universal responsibility. Each of us must learn to work not just for his or her own self, family or nation, but for the benefit of all humankind. Universal responsibility is the real key to human survival. It is the best foundation for world peace, the equitable use of natural resources, and the proper care of the environment.

17. This urgent need for cooperation can only strengthen mankind, because it helps us recognize that the most secure foundation for the new world order is not simply broader political and economic alliances, but each individual's genuine practice of love and compassion. These qualities are the ultimate source of human happiness, and our need for them lies at the very core of our being. The practice of compassion is not just a symptom of unrealistic idealism, but the most effective way to pursue the best interests of others as well our own. The more we - as nations or as individuals - depend upon others, the more it is in our own best interests to ensure their well-being.

18. Despite the rapid advances made by civilization in this century, I believe that the most immediate cause of our present dilemma is our undue emphasis solely on material development. We have become so engrossed in its pursuit that, without even knowing it, we have neglected to foster the most basic human needs of love, kindness, cooperation and caring. If we do not know someone or do not feel connected to a particular individual or group, we simply overlook their needs. And yet the development of human society is based entirely on people helping each other. Once we have lost the essential humanity that is our foundation, what is the point of pursuing only material improvement?

19. In the present circumstances, no one can afford to assume that someone else will solve our problems. Every individual has a responsibility to help guide our global family in the right direction and we must each assume that responsibility. What we have to aim at is the common cause of our society. If society as a whole is well off, every individual or association within it will naturally gain from it. They will naturally be happy. However, if society as a whole collapses, then where can we turn to fight for and demand our rights?

20. I, for one, truly believe that individuals can make a difference in society. As a Buddhist monk, I try to develop compassion myself - not just from a religious point of view, but from a humanitarian one as well. To encourage myself in this altruistic attitude, I sometimes find it helpful to imagine myself, a single individual, on one side and on the other a huge gathering of all other human beings. Then I ask myself, 'Whose interests are more important?' To me it is then quite clear that, however important I may feel, I am only one, while others form the majority.

mercoledì, novembre 27, 2013

MANDIAMOLI PER LA 3ZA VOLTA A VAFFANCULO

STANNNO FIRMANDO PATTI CHE NN POSSIAMO SOSTENERE, LASCIAMO AD UN
CITTADINI DI FARE DISCORSI EVERSIVI IL GIORNO DELLA SUA DECADUTA CHE è
DOVUTA ALLE SUE TAX EVASION, NE HANNO TROVATE SOLO 1 DECIMO DEI SUOI
DEPOSITI ALLA CAMERA, MA QUALCUNO SI DOMANDA COSA VUOLE DAGLI
ITALIANI.
PENSATE CHE UNA NOTIZIA CHE HA FATTO SCALPORE IN BRASILE è CHE UN
EVASORE DI TASSE è EVASODAL BRASILE X RIFUGIARSI IN ITALIA E CHIEDERE
ASILO PERCHE VUOLE ESSERE GIUDICATO DA UN TRIBUNALE ITALIANO,
CHI VOTA BERLUSCA DEVE CAPIRE CHE LUI NN LAVORA PER L'ITALIA MA PER I
SUOI INTERESSI STRUMENTALIZZANDO UNA APPLICAZIONE DELLA PENA COME UN
COLPO DI STATO LANCIANDO MINACCE E STRALI,...."SE NO VEDRETE" OPPURE
"QUESTO èUN COLPO DI STATO ,"CHE IN REALTA L'HA FATTO LUI FACENDO
ENTRARE I PIU IGNORANTI PUPI MAFIOSI CHE POTEVA TROVARE,
FATE VOI O NOI FAREMO LO STESSO ,
TANTO PER NOI è GIA STATA MANGIATA LA TORTA ANCHE LA NOSTRA PARTE!
--
Vincenzo Aglione

sabato, giugno 16, 2012

Israel & the politic of supruse


This is What I Have To Say, usually i speak my mind with words, do' nobody is there to ear them, i decided to chew same of them and pose with a grafic diagramm look-alike of what they may sound!
This is a clinical beaviour due to the state of mind of an individual who fought the Thatcher repression 

giovedì, maggio 17, 2012

INDIGNATEVI !

SHAPES - Foto di Vic Aglione under creative commons : free until my work is used in any way to make money.

INDIGNATEVI! di Stéphane Hessel - 


Indignatevi!
93 anni. È un po' l'ultima tappa. La fine non è più lontana. Quale fortuna potere approfittare per ricordare ciò che ha servito di zoccolo al mio impegno politico: gli anni della resistenza ed il programma elaborato sessantasei anni fa per il Consiglio Nazionale della Resistenza! Dobbiamo a Jean Moulin, nella cornice di quel Consiglio, la riunione di tutti i componenti della Francia occupata, i movimenti, i partiti, i sindacati, per proclamare la loro adesione alla Francia combattente ed al solo capo che si riconosceva: il Generale de Gaulle. Da Londra, dove lo avevo raggiunto nel marzo 1941, apprendevo che questo Consiglio aveva messo a punto un programma, l'aveva adottato il 15 marzo 1944 e proposto per la Francia liberata un insieme di principi e di valori sui quali sarebbe stata riposta la democrazia moderna del nostro paese.
Di questi principi e di questi valori, abbiamo oggi più che mai bisogno. Dobbiamo vigilare tutti insieme che la nostra società resti una società di cui possiamo essere fieri: non questa società dei clandestini, delle espulsioni, dei sospetti al riguardo degli immigrati, non questa società dove si rimettono in discussione le pensioni, le conquiste della Sicurezza sociale, non questa società dove i media sono nelle mani dei ricchi, tutte cose che avremmo negato di garantire se fossimo stati i veri eredi del Consiglio Nazionale della Resistenza.
A partire dal 1945, dopo un dramma atroce, le forze presenti in seno al Consiglio della Resistenza si dedicano ad una ambiziosa risurrezione. Ricordiamolo, allora fu creata la Sicurezza sociale come la Resistenza la prefigurava, come il suo programma la definiva: “Un piano completo di Sicurezza sociale, mirante ad assicurare a tutti i cittadini i mezzi di sussistenza, in tutti i casi in cui sono incapaci di procurareseli con il lavoro”; “Una  pensione che permetta ai vecchi lavoratori di finire dignitosamente i loro giorni”. Le fonti energetiche, l'elettricità e il gas, le miniere di carbone, le grandi banche sono nazionalizzate. È ciò che questo programma raccomandava ancora,.. “il ritorno alla nazione dei grande mezzi di produzione monopolizzata, frutto del lavoro comune, delle sorgenti di energia, delle ricchezze del sottosuolo, delle compagnie di assicurazione e delle grandi banche”; “L'instaurazione di una vera democrazia economica e sociale, implica l'esclusione dei grandi feudi economici e finanziari dalla direzione dell'economia".
L’interesse generale deve prevalere sull'interesse particolare, l’equa distribuzione delle ricchezze create dal mondo del lavoro prevalere sul potere del denaro. La Resistenza propose “un'organizzazione razionale dell'economia che assicuri la subordinazione degli interessi particolari all’interesse generale,  affrancata dalla dittatura professionale instaurata sull’esempio degli Stati fascisti”; ed il Governo provvisorio della Repubblica se ne fece garante.
Una vera democrazia ha bisogno di una stampa indipendente; la Resistenza lo sa, lo esige, difendendo “la libertà della stampa, il suo onore e la sua indipendenza rispetto allo Stato, al potere del denaro e alle influenze straniere”. Questo è ciò che riferiscono ancora le ordinanze sulla stampa, fin da 1944. È proprio questo che oggi è in pericolo.
La Resistenza ci richiamava alla “possibilità effettiva per tutti i bambini francesi di beneficiare dell'istruzione più avanzata”, senza discriminazione; ora, le riforme proposte nel 2008 vanno contro questo progetto. Dei giovani insegnanti di cui sostengo l'azione, si sono rifiutati di applicarle ed hanno visto i loro stipendi mutilati per punizione. Si sono indignati, hanno “disubbidito", hanno giudicato queste riforme troppo lontane dall'ideale della scuola repubblicana, troppo al servizio di una società del denaro e non più in grado di sviluppare lo spirito creativo e critico.
È tutto lo zoccolo delle conquiste sociali della Resistenza che è rimesso oggi in discussione.


Movente della resistenza è l'indignazione
C’è chi ha il coraggio di sostenere che lo Stato non può assicurare più i costi di queste misure civili e sociali. Ma come può mancare oggi il denaro per mantenere e prolungare queste conquiste dal momento che la produzione di ricchezze è aumentata considerevolmente dalla Liberazione, periodo in cui l'Europa era in rovina? Se non perché il potere del denaro, così combattuto dalla Resistenza, non è stato mai tanto grande, insolente, egoista, coi suoi propri servitori fino alle più alte sfere dello Stato. Le banche oramai privatizzate si mostrano in primo luogo preoccupate dei loro dividendi, e dei cospicui stipendi dei loro dirigenti, non dell'interesse generale. La distanza tra i più poveri e i più ricchi non è stata mai tanto rilevante; e la corsa al denaro, la competizione, tanto incoraggiata.
Il motivo di base della Resistenza era l'indignazione. Noi, veterani dei movimenti di resistenza e delle forze combattenti della Francia libera, chiamiamo le giovani generazioni a far rivivere, trasmettere, l'eredità della Resistenza ed i suoi ideali. Diciamo loro: prendete il testimone, indignatevi! I responsabili politici, economici, intellettuali e l'insieme della società non devono disorientarsi, né lasciarsi impressionare dall'attuale dittatura internazionale dei mercati finanziari che minaccia la pace e la democrazia.
Auguro a tutti voi, a ciascuno di voi, di avere il vostro motivo di indignazione. È una cosa preziosa. Quando qualche cosa vi indigna come mi sono indignato io per il nazismo, allora si diventa militante, forte ed impegnato. Si raggiunge la corrente della storia e la grande corrente della storia deve proseguire grazie a ciascuno. E questa corrente va nel senso di una maggiore giustizia, di più libertà ma non questa libertà incontrollata della volpe nel pollaio.
Questi diritti di cui la Dichiarazione universale ha redatto il manifesto nel 1948, sono universali. Se incontrate qualcuno che non ne beneficia, sostenetelo, aiutatelo a conquistarli.

Due visioni della storia
Quando provo a comprendere ciò che ha causato il fascismo che ha fatto sì che fossimo invasi dallo stesso e da Vichy, mi dico che i benestanti, col loro egoismo, hanno avuto terribilmente paura della rivoluzione bolscevica. Essi si sono lasciati guidare dalle loro paure. Ma se, oggi come allora, una minoranza attiva si drizza, ciò basterà, avremo il lievito affinché la pasta gonfi. Certo, l'esperienza di uno molto anziano come me, nato nel 1917, si differenzia dall’esperienza dei giovani di oggi. Io chiedo spesso ai professori dei licei di poter dialogare con i loro alunni, e dico loro: voi non avete le stesse ragioni evidenti di impegnarvi. Per noi, resistere, era non accettare l'occupazione tedesca, la disfatta. Era relativamente semplice. Semplice come ciò che ne è seguito, la decolonizzazione. Poi la guerra d'Algeria. Occorreva che 1'Algeria diventasse indipendente, era evidente. In quanto a Stalin, abbiamo applaudito tutti alla vittoria dell'armata rossa contro i nazisti, nel 1943.
Ma già da quando si ebbe consapevolezza dei grande processi stalinisti del 1935, anche se bisognava mostrare attenzione verso il comunismo per controbilanciare il capitalismo americano, la necessità di opporsi a questa forma insopportabile di totalitarismo si impose come un'evidenza. La mia lunga vita mi ha dato una sequela di ragioni per indignarmi. Queste ragioni sono state prodotte più da una volontà di impegno che da un'emozione. Il giovane normale che ero, era stato molto segnato da Sartre, un compagno maggiore. La Nausea, Il Muro, non L’Essere e il nulla, sono stati molto importanti nella formazione del mio pensiero. Sartre ci ha insegnato a ricordare: Voi siete responsabili in quanto individui. Era un messaggio libertario. La responsabilità dell’uomo che non può affidarsi né ad un potere né ad un dio. Al contrario, bisogna impegnarsi in nome della propria responsabilità di persona umana. Quando sono entrato alla scuola normale di via d’Ulm, a Parigi, nel 1939, io ci entravo come fervente discepolo del filosofo Hegel, e seguivo il seminario di Maurice Merleau-Ponty. Il suo insegnamento esplorava l’esperienza concreta, quella del corpo e delle sue relazioni col senso, grande singolare espressione al plurale dei sensi. Ma il mio ottimismo naturale, che vuole che tutto ciò che è augurabile sia possibile, mi portava piuttosto verso Hegel. La filosofia hegeliana interpreta la lunga storia dell’umanità come avente un senso: è la libertà dell’uomo che progredisce tappa dopo tappa.
La storia è fatta di shock successivi, è la messa in conto di sfide. La storia delle società progredisce, e finalmente, quando l’uomo raggiunge la sua piena espressione, abbiamo lo stato democratico nella sua forma ideale.

Esiste certamente un’altra concezione della storia
I progressi fatti nella libertà, la competizione, la corsa al "sempre di più", tutto questo può essere vissuto come un uragano distruttivo. Così lo rappresenta un amico di mio padre, l’uomo che ha diviso con lui il compito di tradurre in tedesco À la Recherche du temps perdu di Marcel Proust. È il filosofo tedesco Walter Benjamin. Egli aveva tratto un messaggio pessimista da un quadro del pittore svizzero, Paul Klee, l'Angelus Novus, dove la figura dell’angelo apre le braccia come per contenere e respingere una tempesta che identifica col progresso. Per Benjamin che si suiciderà nel settembre 1940 per sfuggire al nazismo, il senso della storia è l'avanzamento irresistibile di catastrofe in catastrofe.

L’indifferenza: il peggiore degli atteggiamenti
È vero, le ragioni di indignarsi possono sembrare oggi meno nette o il mondo troppo complesso. Chi comanda, chi decide?  Non è sempre facile distinguere tra tutte le correnti che ci governano.
Non si tratta più di una piccola elite di cui comprendiamo chiaramente l’operato. È un vasto mondo che sappiamo bene essere interdipendente.
Viviamo in una interconnettività come non era mai esistita. Ma in questo mondo, ci sono delle cose insopportabili. Per vederle, bisogna osservare bene, cercare. Dico ai giovani: cercate un poco, andate a trovare. Il peggiore degli atteggiamenti è l’indifferenza, dire “io non posso niente, me ne infischio". Comportandovi così, perdete una delle componenti essenziali che ci fa essere uomini. Una delle componenti indispensabili: la facoltà di indignazione e l’impegno che ne è la diretta conseguenza.
Si possono identificare già due grandi nuove sfide:
1. L’immensa distanza che esiste tra i molto poveri e i troppo ricchi, che non cessa di aumentare. È un mutamento del XX e del XXI secolo. I molto poveri nel mondo d’oggi guadagnano appena due dollari al giorno. Non si può lasciare che questa forbice si allarghi ancora. Questa sola constatazione deve suscitare un impegno.
2. I diritti dell’uomo e lo stato del pianeta. Ho avuto la fortuna dopo la Liberazione di essere associato alla redazione della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, adottata dall’Organizzazione delle Nazioni unite, il 10 dicembre 1948, a Parigi, al palazzo di Chaillot. Nella funzione di capo di gabinetto di Henri Laugier, segretario generale aggiunto dell’ONU, e di segretario della Commissione dei Diritti dell’uomo, assieme ad  altri, sono stato ammesso a partecipare alla redazione di questa dichiarazione. Non potrei dimenticare, nella sua elaborazione, il contributo di René Cassin, commissario nazionale alla Giustizia e all'educazione del governo della Francia libera, a Londra, nel 1941,  premio Nobel della pace nel 1968; né quello di Pierre Mendès France in seno al Consiglio economico e sociale, cui i testi che elaboravamo erano sottoposti prima di essere esaminati dalla Terza commissione dell'assemblea generale, responsabile delle questioni sociali, umanitarie e culturali.
Essa contava i cinquantaquattro Stati membri, all'epoca, delle Nazioni unite, ed io ne assicuravo la segreteria.
Per l'appunto a René Cassin dobbiamo il termine di diritti “universali” e non “internazionali” come proponevano i nostri amici anglosassoni. Perché è proprio lì la scommessa a uscire dalla seconda guerra mondiale: emanciparsi dalle minacce che il totalitarismo ha fatto pesare sull’umanità.
Per emanciparsi, bisogna ottenere che gli Stati membri dell’ONU si impegnino a rispettare questi diritti universali. È un modo di sventare l'alibi della piena sovranità che uno Stato può fare valere mentre si dedica ai crimini contro l'umanità sul suo suolo. Questo fu il caso di Hitler che si stimava padrone di se stesso ed autorizzato a provocare un genocidio. Questa dichiarazione universale deve molto alla repulsione universale contro il nazismo, il fascismo, il totalitarismo, e inoltre, per la nostra presenza, allo spirito della Resistenza. Sentivo che bisognava fare rapidamente, non lasciarsi ingannare dall’ipocrisia che c'era nell'adesione proclamata dai vincitori a questi valori che non tutti avevano l'intenzione di promuovere in modo leale, ma che noi tentavamo di imporre loro.
Non resisto alla voglia di citare l’articolo 15 della Dichiarazione universale dei Diritti dell’uomo: “Ogni individuo ha diritto ad una cittadinanza. Nessun individuo potrà essere arbitrariamente privato della sua cittadinanza, nè del diritto di mutare cittadinanza”; l’articolo 22: “Ogni individuo in quanto membro della società, ha diritto alla sicurezza sociale nonchè alla realizzazione, attraverso lo sforzo nazionale e la cooperazione internazionale ed in rapporto con l'organizzazione e le risorse di ogni Stato, dei diritti economici, sociali e culturali indispensabili alla sua dignità ed al libero sviluppo della sua personalità”. E se questa dichiarazione ha una portata dichiarativa, e non giuridica, non ha giocato un ruolo meno rilevante dopo 1948; si sono visto popoli colonizzati impadronirsene nella loro lotta di indipendenza; ha inseminato gli spiriti nella lotta per la libertà.
Constato con piacere che nel corso degli ultimi decenni si sono moltiplicate le organizzazioni non governative, i movimenti sociali come Attac (Associazione per la tassazione delle transazioni finanziarie), il FIDH (Federazione internazionale dei Diritti dell’uomo), Amnesty... che sono attive e ad alto rendimento. È evidente che per essere efficaci oggi, bisogna agire in rete, approfittare di tutti i mezzi moderni di comunicazione.
Ai giovani, dico: guardate intorno a voi, voi ci troverete i temi che giustificano la vostra indignazione – il trattamento riservato agli immigrati, agli illegali, ai Roms. Troverete delle situazioni concrete che vi portano a dare corso ad un impegno sociale forte. Cercate e troverete!

La mia indignazione a proposito della Palestina
Oggi, la mia principale indignazione riguarda la Palestina, la striscia di Gaza, la Cisgiordania. Questo conflitto è causa per me di grande indignazione. Occorre assolutamente leggere il rapporto Goldstone del settembrc 2009 su Gaza, nel quale questo giudice sud-africano, ebreo che si dice anche sionista, accusa l'esercito israeliano di avere commesso, durante l’operazione "Piombo fuso" durata tre settimane, “atti assimilabili a crimini di guerra e forse, in certe circostanze, a crimini contro l’umanità”. Io stesso sono tornato a Gaza, nel 2009, dove sono potuto entrare con la mia donna grazie ai nostri passaporti diplomatici, per valutare de visu ciò che questo rapporto sosteneva. Le persone che ci accompagnavano non sono state autorizzate ad addentrarsi nella striscia di Gaza e in Cisgiordania. Abbiamo visitato anche i campi di profughi palestinesi assegnati fin da 1948 dall’Agenzia delle Nazioni unite, l’UNRWA, dove più di tre milioni di Palestinesi, cacciati dalle loro terre da parte d'Israele, aspettano un rientro sempre più problematico. In quanto a Gaza, è una prigione a cielo aperto per un milione e mezzo di Palestinesi. Una prigione dove si organizzano per sopravvivere. Più delle distruzioni materiali come quella dell'ospedale della Mezzaluna rossa da parte di "Piombo fuso", è il comportamento degli abitanti di Gaza, il loro patriottismo, il loro amore del mare e delle spiagge, la loro costante preoccupazione del benessere dei loro bambini, innumerevoli e ridenti, che persiste nella nostra memoria. Siamo stati impressionati dal loro ingegnoso modo di fare fronte a tutte le penurie che devono sopportare. Li abbiamo visti preparare dei mattoni senza cemento per ricostruire le migliaia di case distrutte dai carri. Ci è stato confermato che durante l’operazione "Piombo fuso" condotta dall’esercito israeliano, ci sono stati millequattrocento morti - donne, bambini, vecchi confinati nel campo palestinese -  contro solamente cinquanta feriti israeliani. Condivido le conclusioni del giudice sud-africano. Che gli Ebrei possano perpetrare, proprio loro, dei crimini di guerra, è insopportabile. Ahimè, la storia offre pochi esempi di popoli che traggano insegnamento dalla propria storia.
Lo so, Hamas che ha vinto le ultime elezioni legislative non ha saputo evitare che fossero lanciati razzi sulle città israeliane in risposta alla situazione di isolamento e di blocco nella quale si trovano gli abitanti di Gaza. Penso evidentemente che il terrorismo sia inaccettabile, ma bisogna riconoscere che quando si è occupati con mezzi militari infinitamente superiori a quelli di cui si dispone, la reazione popolare non può che essere violenta.
Torna utile ad Hamas lanciare razzi sulla città di Sdérot? La risposta è no. Ciò non favorisce la sua causa, ma questo gesto si può spiegare con l’esasperazione degli abitanti di Gaza. Nella nozione di esasperazione, bisogna comprendere la violenza come uno spiacevole esito rispetto alle inaccettabili condizioni subite. Allora, si può dire che il terrorismo è una forma di esasperazione. E che questa esasperazione è un termine negativo. Non si dovrebbe esasperare, occorrerebbe sperare. L’esasperazione nasce da una negazione di speranza. Comprensibile, direi quasi naturale, ma ugualmente inaccettabile. Perché non permette di ottenere i risultati che può eventualmente produrre la speranza.

La non-violenza, la strada che dobbiamo imparare a percorrere
Sono convinto che il futuro appartiene alla non-violenza, alla conciliazione tra culture differenti. È per questa via che l'umanità dovrà affrontare con successo la sua prossima tappa. In ciò sono d’accordo con Sartre, non possiamo giustificare i terroristi che gettano bombe, li possiamo comprendere. Sartre nel 194l scrive: “Riconosco che la violenza sotto qualunque forma si manifesti è un insuccesso. Ma è un insuccesso inevitabile perché viviamo in un universo di violenza. E se è vero che dal ricorso alla violenza resta la violenza che rischia di perpetuarsi, è anche vero che è l'unico modo per farla cessare”.
Al che ribatterei che la non-violenza è un mezzo più sicuro per farla cessare. Non si possono sostenere i terroristi in nome di questo principio, come ha fatto Sartre durante la guerra d'Algeria o all'epoca dell'attentato contro gli atleti israeliani, in occasione dei giochi di Monaco del 1972. Non è efficace e Sartre finirà per interrogarsi alla fine della sua vita sul senso del terrorismo e a dubitare della sua ragion d'essere. Dire “la violenza non è efficace", è più importante che sapere se dobbiamo condannare o no coloro che si dedicano ad essa. Il terrorismo non è efficace. Nella nozione di efficacia, occorre una speranza non violenta. Una speranza violenta si trova nella poesia di Guillaume Apollinaire: “Le Pont Mirabeau”; non in politica. Sartre, nel marzo 1980, a tre settimane della sua morte, dichiarava: Occorre provare a spiegare che il mondo d’oggi, che è orribile, è solamente un momento nel lungo sviluppo storico, che la speranza è sempre stata una delle forze dominanti delle rivoluzioni e delle insurrezioni, che considero ancora la speranza come la mia concezione riguardo al futuro."
Bisogna comprendere che la violenza volge le spalle alla speranza. Bisogna preferirle la speranza, la speranza della non-violenza. È la strada che dobbiamo imparare a seguire. Sia da parte degli oppressori che degli oppressi, bisogna arrivare ad un negoziato per sconfiggere l’oppressione; questo permetterà di vincere la violenza terroristica: non lasciare accumulare troppo odio.
Il messaggio di un Mandela, di un Martin Luther King, trova tutta la sua pertinenza in un mondo che ha superato lo scontro ideologico ed il totalitarismo di conquista. È un messaggio di speranza nella capacità delle società moderne di superare i conflitti tramite la comprensione reciproca ed una pazienza vigile. Per giungere a ciò, bisogna basarsi sui diritti la cui violazione, chiunque ne sia responsabile, deve provocare la nostra indignazione. Non si deve transigere su questi diritti.

Per un’insurrezione pacifica
Ho notato - e non sono il solo - la reazione del governo israeliano di fronte al fatto che ogni venerdì i cittadini di Bil'id vanno, senza gettare pietre, senza utilizzare la forza, fino al muro contro il quale protestano. Le autorità israeliane hanno qualificato questa marcia come “terrorismo non violento”. Mica male... Occorre essere israeliano per definire terrorismo la non-violenza. Bisogna essere soprattutto imbarazzati dall'efficacia della non-violenza che suscita l’appoggio, la comprensione, il sostegno di tutti quelli che nel mondo sono contro l'oppressione.
Il pensiero produttivista, diffuso in occidente, ha trascinato il mondo in una crisi da cui occorre uscire abbandonando velocemente la concezione del "sempre di più", nel campo finanziario ma anche nel campo delle scienze e delle tecniche. È ormai tempo che i valori etici, di giustizia, di sviluppo sostenibile diventino prevalenti. Perché rischi gravissimi ci minacciano e possono mettere un termine all'avventura umana su un pianeta che diventa inospitale.
Ma è indiscutibile che importanti progressi sono stati fatti dal 1948 in poi: la decolonizzazione, la fine dell'apartheid, la distruzione dell’impero sovietico, la caduta del Muro di Berlino. I primi dieci anni del XXI secolo sono stati, invece, un periodo di arretramento. Questa involuzione io la spiego in parte con la presidenza americana di George Bush, l’11 settembre, e le conseguenze disastrose che ne hanno tratto gli Stati Uniti, come l’intervento militare in Iraq. Abbiamo avuto questa grave crisi economica, ma non abbiamo di contro avviato una nuova politica di sviluppo. Parimenti, l’incontro al vertice di Copenaghen contro il riscaldamento climatico non ha permesso di iniziare una vera politica per la salvaguardia del pianeta. Siamo sul limitare, tra gli orrori del primo decennio e le possibilità che ci riservano i prossimi. Ma bisogna sperare, occorre sempre sperare. Il decennio precedente, quello degli anni ‘90, era stato motore di grande progresso. Le Nazioni unite avevano saputo convocare delle conferenze come quella di Rio sull’ambiente, nel 1992;  quella di Pechino sulle donne, nel 1995;  nel settembre 2000, su iniziativa del segretario generale delle Nazioni unite, Kofi Annan, i 191 paesi membri adottavano la dichiarazione sugli “Otto obiettivi del millennio per lo sviluppo”, con cui si impegnavano a dimezzare la povertà nel mondo entro il 2015.
È mio grande dispiacere che né Obama né I'Unione europea si siano ancora espressi riguardo al loro apporto per una fase costruttiva, appoggiandosi sui principi fondamentali.

Come concludere questo appello ad indignarsi? Ricordando ancora ciò che l’8 marzo 2004, in occasione del sessantesimo anniversario del Programma del Consiglio nazionale della Resistenza, noi veterani dei movimenti di Resistenza e delle forze combattenti della Francia libera (1940-1944) dicevamo, che certo “il nazismo è stato sconfitto, grazie al sacrificio dei nostri fratelli e sorelle della Resistenza e delle Nazioni unite contro la barbarie fascista. Ma questa minaccia non è sparita totalmente e la nostra irritazione contro l'ingiustizia è ancora intatta”.
No, questa minaccia non è sparita totalmente. Perciò, chiamiamoci sempre ad “una vera insurrezione pacifica contro i mezzi di comunicazione di massa che non propongono come orizzonte per la nostra gioventù altro che il consumo di massa, il disprezzo dei più deboli e della cultura, l’amnesia generalizzata e la competizione a oltranza di tutti contro tutti”.

A coloro che vivranno il 21° secolo, diciamo con il nostro affetto:

CREARE È RESISTERE. RESISTERE È CREARE.

Traduzione libera: il testo vuole divulgare i concetti di Hassel. Comprate l'originale: noi noi siamo l'editore.




venerdì, maggio 11, 2012

SOKO :: I've Been Alone Too Long




There's a double impactstick closer to the lyrics and the eyes.

Selah Sue & Patrice jammin @ café la cigale; november 19 2010


Senti, guarda, liberati dal male! Ecco il top del momento presente e futuro.
Sempre, è,  in bilico tra lo scandire delle ritmiche : cadendo ora nel raggamuffin' ora nel dubstep di protesta.......uffhhh Ecco che nel silenzio scopriamo d'esssere ancora vivi!


Selah Sue & Patrice jammin @ café la cigale; november 19 2010


Senti, guarda, liberati dal male! Ecco il top del momento presente e futuro.
Sempre, è,  in bilico tra lo scandire delle ritmiche : cadendo ora nel raggamuffin' ora nel dubstep di protesta.......uffhhh Ecco che nel silenzio scopriamo d'esssere ancora vivi!


venerdì, aprile 06, 2012

please Keep your spirit awake . AUTONOMY for Tibet In cina

  $NoMorePain$.org

 ask to all the senses been that can receive this call, to share as much as you feel is RIGHT this sentence that was named by His Holines Dalai Lama not a plea for justice.

NO! Not an incitation to rebellion against the state of things.

No! He ask that TIBET is treated as Cina treat with the other cinese  etnic or religious minority groups that Cinese Law allready protect .

There's no need for army surrounding monasteryes, neither for Tibet to call freedoom. Cina must only stop abuse on inerme population, control the behave of his Army, to stop drunk and rape violence and compassion will work a meeting path for all of us.

vic aglione - Ecouter composition n3 -

la vita è strana e a volte ti stana...( poeta con Bic )


Questo è un brano nn finito che feci forse l'inverno o la primavera scorsa. lo scopo era di testare un nuovo programma per fare house...
diedi il nome composition number 3 per distinguerla dalle altre versioni venute peggio e con loop migliori.
credo poi sia andata a fare da base ad un video che ho fatto sulla biennale di venezia 2011 di arte contemporanea e visiva. la prima sorpresa fu vedere che il video fu cliccato qualche migliaio di volte.
La seconda, di lunga piu' incredibile, l'ho scoperta scrivendo vic aglione su googleNo non mi stavo "googolando" stavolta almeno volevo  vedere come stavano " a ranking " i miei blog,  tra i molti risultati che portano a vic aglione 
( la query era questa perchè ho aggiunto sitinuovi e cambiato il nome ad altri)
 trovo  in questo sito che publica LYRICS  di canzoni di tutto il mondo un link che porta ad un vic aglione  e alla per caso nominata euncounter -composition's n'3 ...
io il testo non l'ho fatto nè pensavo bene della base. ma!!!!   .... LA VITA è STRANA E A VOLTE TI STANA

 cliccate sotto se interessati
Vic Aglione - Ecouter vic aglione composition n3 -

'via Blog this'

mercoledì, marzo 21, 2012

Italiani dov'è la vittoria,

- no title specified

Con il Duce fù più facile

Mussolini e Bersusconi: italiani ed i rispettivi elettori a confronto.

LA DOMANDA E': PERCHE' GLI ITALIANI RIUSCIRONO A LIBERARSI DI MUSSOLINI, UN TIRANNO ARMATO, E NON SONO CAPACI DI LICENZIARE BERLUSCONI, CHE NON HA MILIZIE E HA INSTAURATO UN REGIME AUTORITARIO MA NON FEROCE? FORSE PERCHE' BERLUSCONI NON HA UNA POLITICA, MA GOVERNA NELL'ASSENZA DELLA POLITICA.

IL SUO QUALUNQUISMO TOTALE AGLI ITALIANE EVIDENTEMENTE PIACE.

(GIORGIO BOCCA – ESPRESSO 2011)

mercoledì, gennaio 25, 2012

the spoon theory

 
Have you been told, “But you don’t look sick”? 
You’re not alone. 

“The Spoon Theory” has become such a popular analogy that it has its own forum tag. 
The idea is that patients living with a chronic illness have only a small number of spoons to use each day. 
As a result, they must carefully choose how they expend their energy, as each task or effort costs one spoon.
If they use up all their spoons too early, that’s all they can manage for the day. 
The drawer of spoons is empty. 
If you’ve found “The Spoon Theory” helpful in getting friends and family to understand, you may be interested to hear there’s a new (and quite humorous) companion analogy called “The Fork Theory,” developed by MS member OldSalt. Unlike spoons, forks are not something to cherish, but the very things that cause you pain and discomfort. Every day, the forks poke you, get in the way and pose challenges. You can try to put them in a drawer, but they’ll always return when you least expect. 
Can you relate to this notion of “battling forks” throughout your day? 
If so, perhaps your friends and family can too.

martedì, gennaio 17, 2012

Muhammad Alì compie 70 anni...io lo ricordo così.

E' stato l'incontro più emozionante della mia vita. Quando davanti alla moschea di Brixton - Londra- si sparge la voce che dentro quelle mura ci fosse, per una visita privata, il grande Alì, pensavo ad uno scherzo. Non dovetti aspettare molto. Uscì e a mio giudizio tutti gli occhi lo vedevano leggero come una farfalla e pungente come un'ape! L'uomo ha Parkinson desease da molti anni. Ma i miei occhi sono quelli di quand'ero bambino e lo guardavo in tv, in bianco e nero.

mercoledì, novembre 09, 2011

Italia, Italia...così giovine, così ingenua.

Se oggi 9 novembre 2011 non hai capito nulla di ciò che parlano i telegiornali ed i talk-show, se tornando a casa dal lavoro hai mangiato davanti ad un bel film comico, se in coda tra 1000 auto in tangenziale, hai acceso la radio e, non capendo perchè continuano a parlare male di Silvio, hai messo quel cd dei Van Halen che ti fa sentire un po' come lui...se hai capito che qualcosa va male ma ancora non ti sei convinto che la vicenda sia vera, allora questo post è per te. Leggerlo non ti cambierà, ormai i tuoi neuroni strisciano, ma sappi che è colpa tua e del tuo voto reiterato negli anni se i tuoi figli dovranno emigrare.
Mi spiace che qualcuno li chiamerà in disprezzo "Berlusconi", una volta si limitavano a "rats", topi in Svizzera, o al folckloristico  "spaghetti mandolino".
(CONTINUA)



ti invito a cambiare sito e a non tornare mai più.
 MAI PIU'!!!!!!!!!!!

giovedì, settembre 15, 2011

Prologo : Lezioni di recupero per classe dirigente

Il mio dilemma da alcuni mesi è semplice: dovrei o non dovrei, visto il panorama internazionale, lasciare che gli avvenimenti socio-politici passino senza che io scriva almeno un mini commento (stile "l'Italia è un paese di merda", frase i cui diritti vanno al gruppo Silvio Berlusconi )? Debbo lasciare ai telegiornali il compito di spiegare la storia degli anni recenti e le sue ripercussioni inevitabili sull'odierno scivoloso presente?
Inizio dicendo di NO! No a tutta l'accozzaglia di televisione tagliata con eroina, che dalle 14 viene servita ad adolescenti (9 ai 16) i quali si sentono in dovere di fare ammucchiate di gruppo o di provarsi gay anche se non se lo sentono proprio. Continuo dicendo No al quarto d'ora di notorietà che fa di Studio Aperto il TG a più alto contenuto V.M.18 d'Europa, almeno.
Concludo e motivo il mio No con tutti i TG della sera, i talk, i quiz, le tramissioni sportive, dove i politici dicono la loro e propongono soluzioni.
Per i primi, ossia i TG , propongo che sia invertita per decreto la scala gerarchica ovvero siano i direttori a fare gli stagisti e gli stagisti a fare il telegiornale, il quale dovrebbe ricominciare a fornire notizie in un quadro globale e non sfilacciato. Una testata deve seguire le notizie ma deve anche capire come una notizia è correlata all'altra anche a costo di dover collegare la crisi della borsa con la fame disastrosa del corno d'Africa!..BrrrrrRrrr....Rabbbrividisco.
Se capita uno tzunami, non si inizia dicendo: "per fortuna La Farnesina (golf-club) ci informa che al momento non risultano esserci vittime italiane"..No No No signori! Si comincia invece presentando la catastrofe per quello che è per l'uomo ed i suoi simili, ovunque essi siano e qualsiasi lingua o cultura seguano, indipendentemente se si erano appena sposati ed erano in viaggio di nozze o erano sporcaccioni a caccia di minorenni thai "..........

Bene spero che il prologo della mia prima lezione di informazione abbia annoiato il giusto per interessarvi a tornare a vedere la prossima volta cosa dovrete cambiare per imparare ciò che noi "uomo comune" vogliamo.

venerdì, settembre 02, 2011

ITALIA 2011...la scoperta inaspettata!


"Un paese di merda"....
governato da un gruppo compatto di stronzi ... seguiti sempre da scariche di diarrea............

mercoledì, agosto 24, 2011

being a child in Gaza

Chi volesse approfondire il tema, per poter capire la politica di Israele, le dinamiche post World War II dell'Europa, il complesso di colpa per non aver bloccato Hitler pur sapendo che ha portato alle politiche criminali che hanno lasciato fare lo Stato di Israele lì ed allora, so che c'è il problema di chi ha avuto da Dio una promessa....ma mi domando questi bambini che da 4 generazioni nascono in una terra senza diritti, questi bimbi non sono figli di Dio anche loro e se davvero non lo fossero, è questo sufficente per scipparli della promessa che il loro Dio o i loro genitori avevano per loro fatto di poter crescere nella speranza di non fare questa fine?.....

venerdì, luglio 08, 2011

World Speculation has now reason to play Italy's Sovereign debt

Siamo in mano ai capricci del Presidente del Consiglio. Nel suo disturbo narcisista pare pensare che se cade Lui allora dovranno cadere tutti! La sua caduta morale ed il suo sentirsi un perseguitato prima moralmente, poi nella privacy che spetta al capo del Governo, con minori, prostitute etc., la scure della sentenza Imi Sir poi la P4 e l'onorevole Papa, la Guardia di Finanza decimata dall'inchiesta nei suoi vertici, infine la manovra economica e Tremonti, con il "giallo" della norma "ad aziendam" che Berlusconi dice utile a tutti(??!), infatti tutti hanno aziende con più di 10 miloni di Euro di fatturato, ma solo lui aspetta un giudizio di II° grado per il processo Mondadori ed una possibile penale di 700 milioni .
Questo cosa c'entra con L'Italia?
Niente!
Ma se 10 anni potevamo fregarcene di avere un parlamento bloccato, perchè non potendo  votare Leggi per il rischio di caduta del Governo lavora 2 giorni a settimana solo su emendamenti di leggi già passate in mesi scorsi o addirittura in legislature passate.
Arrivo al punto: tutto questo puo' essere anche solo colpa di chi ha votato questa compagnia di magnaccioni, ma da ieri non possiamo piu' fare finta di niente, non possiamo aspettare piu' le elezioni!
Cosa è successo di piu' grave dei fatti sopra elencati?
Ecco in breve come un capriccio  ha fatto aumentare nell'odierna seduta a Piazza Affari(-3.7 %) di 120 punti lo spread tra Bund e Bot.
L'avessi fatto io questo danno sarebbe comprensibile, non sono altro che un artista, un pittore,  ma fatto da chi ci governa proprio non ha più una giustificazione. Berlusconi attacca  Tremonti dicendo che  ti (ministro delle Finanze Tremonti vara la manovra, e il nostro presidente del consiglio dopo 2 settimane dove i mercati e le agenzie di rating ci hanno tenuto sotto osservazione, tanto da essere convocati dalla Consob per chiarimenti sul loro operato, visto che la manovra non era uscita in Gazzetta Ufficiale ancora.
Non avevano una ragione per dubitare di noi e della nostra solvibilità fino a martedi scorso. Ora in soli 2 giorni hanno ogni diritto di farlo! E a dare il via alla speculazione non puo' essere che il nostro Mister B. che dicendo a Repubblica "PER LUI SONO TUTTI CRETINI, PENSA DI ESSERE UN GENIO. " Proprio oggi dovevi dirlo? Non potevi chiudere quell'imbarazzante fucina di parole prive di senso "PAESE".
Ecco  servito ai mercati la giustificazione che aspettavano, perchè dalla speculazione si guadagna, se sei ricco, se invece sei una persona con principi , onesta , che paga le tasse e vota, invece la speculazione alza in costo del denaro, fa crollare le aziende o nei debiti o in fallimenti senza ritorno. Ormai questa persona chiamata Silvio Berlusconi ne ha combinate troppe e se ne deve andare prima che sfasci il paese solo per uscirne con un tornaconto.
Infatti se Il presidente dice una frase del genere in un intervista a Repubblica di oggi, la frase non viene dimenticata, ma va dritta ad influenzare i mercati, preparando il terreno per un attacco speculativo: La mia ipotesi è che la P4 avesse nei mesi della crisi , pilotato crisi per favorire i loro "affiliati". Berlusconi invece da presidente doveva evitare di dire il suo pensiero, o forse doveva dirlo proprio perchè chi puo' approfittare di fare soldi con fondi offshore investiti in una speculazione? Bravi solo chi ne ha le capacita' e sopratutto il danaro.

Mister B entrò in politica proprio per salvarsi dalla magistratura e dai processi che in questi giorni sono in via di verdetto. Non essendo passato il rigo "ad aziendam" e rischiando di dover pagare 700milioni di euro ecco che fare crollare le borse per poi rivendere è un modo per fare questi 700milioni senza smantellare Fininvest, insomma ancora una volta doveva salvare l'italia, ma non ci sta' pensando. Entro per salvarsi e di fatto oggi ha detto che nel 2013 non si presenta..é un caso che i processi siano finiti e che lui abbia l'etaà per gli arresti domiciliari in una delle sue case al massimo.
In inghilterra "NEWS OF THE WORLD" ha chiuso , Murdoch per evitare lo scandalo ha preferito chiudere che dire che la magistratura ce l'ha con lui....E vero sei il Presidente del Consiglio ma te lo ricordi solo quando devi raccogliere voti, in parlamento poi con i numeri che hai! Niente riforma giustizia, niente riforme economiche! Solo tagli, tagli ai poveri non ad i ricchi! ( ho letto , so delle rendite ma l'equita' non regge....la vita di una persona che ha 20milioni di euro non puo' essere la stessa di chi campa con € 1000.
Per decreto potevi fare che chi donava almeno 10 milioni allo stato poteva usufruire di pari somma per un anno senza pagare tasse.

SIlvio Berlusconi, non avrai il coraggio di confrontarti con me lo so ma se cambi idea saro' lieto di ascoltarti, mi piacerebbe aver visto un uno elegante come te avere anche un po' di classe , orgoglio , senso di appartenenza al paese, invece noi non siamo mai nei tuoi pensieri.





ogni 100 punti di differenziale sono pari a 160 miliardi di perdita
oggi piazza affari ha perso il 3.7 %